recensione

Recensione a 6.0: un libro di Poesia e alchimia pura


Recensione a 6.0 – I poemi di Gastone Cappelloni

recensione a 6.0

Ve lo avevo promesso ed eccomi qua, pronta per condividere con voi la recensione a 6.0, l’Opera di un poeta, a parer mio, molto interessante: Gastone Cappelloni. Avete già avuto modo di conoscerlo meglio QUI nell’intervista della settimana scorsa. Tanto per iniziare, ancora una volta sono felice di sottolineare quanto la Poesia possa essere una risorsa importante, capace di avvicinare e costruire un ponte immaginario tra il cuore e la ragione di chiunque. Ma adesso veniamo al libro, il vero protagonista di questo post.

Recensione a 6.0 (Silloge Poetica)

“Un libro di Poesia e alchimia pura”

a cura di Marina Atzori

Se dovessi descrivere lo stile di Gastone Cappelloni con una figura metaforica sarebbe senz’altro un’onda marina unica nel suo genere. Le parole ricercate e impreziosite da un modo di esprimersi breve ed efficace arrivano a sfiorare l’anima del lettore attraverso un moto costante, dolce ma anche salato, pacato, e nel contempo impetuoso, simile a un flutto accompagnato dalla forza del vento. Cappelloni è in grado di avvolgere e svolgere piccole grandi storie colme di un romanticismo senza spazio e senza tempo; ma non è tutto, il poeta sceglie di liberare calde carezze dedicandole all’universo femminile, creando e ricreando nugoli di emozioni una dietro l’altra, trascinando con sé mente e cuore. 6.0 è un continuo sali scendi di sentimenti e non si può non apprezzarne la stesura, curata ed essenziale. Come un arciere, il poeta scaglia le sue frecce e non si può che rimanere colpiti, da un segno, da un ricordo, da un’impronta e da mille sensazioni che solo all’apparenza si somigliano, e che invece, scavando nel profondo con estrema attenzione, si rivelano come tante sfumature pastello, talmente diverse da sorprendere e appagare piacevolmente il lettore. La poesia di Gastone Cappelloni comunica una moltitudine di messaggi aperti: sorrisi, pianti, rimorsi, viaggi introspettivi. Siamo di fronte a un’espressione artistica che sprigiona alchimia pura riga dopo riga. La chiave di lettura è una sorta di sfida ai tormenti interiori, alle intemperie dell’esistenza e dell’età, prigioniere del tempo stesso che scorre inesorabilmente e nonostante tutto. Ed è proprio l’amore che l’uomo nutre e coltiva per la donna, prendendosene cura esattamente come si farebbe con un fiore, a salvare gli anni, a rallentare il ciclo continuo delle stagioni, dei giorni e delle notti, rassicurandola, distinguendola, accogliendola tra le sue braccia accantonando paure e inutili riserve.

Sono innnumerevoli i passaggi della silloge 6.0 che mi hanno colpita. Ne ho scelti soltanto alcuni per cercare di coinvolgervi e darvi un assaggio delle emozioni che quest’Opera e questo scrittore hanno saputo ragalarmi…

[…]

Culla sarai di sollievo,

perché in essa,

nostalgia sarà viaggio

attraverso ignoti immaginari.

[…]

Donna silente e virtuosa,

temprata e plasmata dall’eco delle primavere.

Giorno di cordiale piacere

l’anima,

si disseterà all’ombra

di alate tue radici.

[…]

sarò aquilone

sui sorrisi delle bugie

[…]

L’amore ha gli occhi

peccaminosi

della malinconia

[…]

Neve senza radici,

argenteo amore indorato

sotto i fruscii del biancospino;

aprile preservò

seme per raro, poetico inchiostro.

 recensione a 6.0

 

In conclusione, leggendo questa silloge ho riscoperto valori ormai persi e talvolta dimenticati nella vita di tutti i giorni e che bisognerebbe fare propri nel tentativo di sentirsi parte di un’umanità meno arida e asettica di quella attuale.

6.0 è un mare di istanti poetici da cogliere, una condizione magica e passeggera come la felicità che allevia il dolore per pochi intensi attimi. Verso dopo verso ci si tuffa e ci si sente protetti così come mi sono sentita io, senza pentimento alcuno. Sì, perché un libro, a volte può fare anche questo: proteggere dal mondo fuori.

Consiglio questa lettura agli amanti della poesia, ma anche a chi desidera scoprirla per la prima volta, sotto una luce differente, attuale e rinfrancante.

Visita il sito del Poeta Gastone Cappelloni cliccando QUI

 

recensione a 6.0


Informazioni su Marina

Lettrice professionale, scrittrice e blogger, Digital Contentents Editor (sviluppo video/ideazione/editing di contenuti multimediali e infografica), Self publishing consultant, Editor e Copy editor. Ha seguito corsi di specializzazione su: Web writing, Talent scouting, Editing e Copyediting, Fotogiornalismo, Personal Branding, Blogging, PNL (Programmazione Neuro Linguistica), Risorse Umane e comunicazione interpersonale. Ha scritto sei libri e una serie di racconti per alcune Antologie, ricoperto il ruolo di responsabile-organizzatrice all'interno della giuria tecnica nella Terza Edizione del Concorso Letterario Internazionale Terra di Guido Cavani (sezione inerente agli ebook), collaborato con Il circuito Network Il Mondo Dello Scrittore. Attualmente si occupa di servizi editoriali e sta lavorando alla realizzazione del suo progetto personale ("Book&Art"). Nel frattempo, scrive, anche se... scrivere è una questione spinosa, anzi "spinosissima"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*