Bruno Bruni e il suo fiore d’autore


Bruno Bruni presenta:

“Voce e Pianoforte”

Un breve estratto dell’incipit:

Marta

Sono curiosa. Non origlio alle porte, non spio dal buco della serratura, questo no. Sono curiosa delle vite altrui, vorrei conoscerne i motivi veri, gli intenti che non appaiono. Mi piacciono le biografie delle persone famose, degli artisti, ma non mi bastano. Quelle sono vite non comuni, sopra le righe. Sono più attratta dalle esistenze anonime, quelle che scivolano via inosservate. Le immagino come quei barattoli delle antiche farmacie, tutti uguali sullo scaffale, con etichette sbiadite o poco comprensibili. Dentro, ci poteva essere di tutto, dalla liquirizia al veleno. Le persone di tutti i giorni, quelli che conosciamo e magari ci fanno sbadigliare, quasi sempre sono barattoli di liquirizia, a volte contengono un poco di veleno, e molto raramente essenze preziose. Questa mia curiosità mi ha spinta a mettere insieme i pezzi di una storia che all’inizio non riuscivo a percepire, troppi frammenti scollati, troppi personaggi lontani tra loro, nello spazio e sopratutto nel tempo.

Nel mio romanzo “ Voce e pianoforte” ho tentato di raccontare sentimenti profondi in tono lieve. Un po’ secondo il gusto di un certo cinema francese, oppure alla maniera di alcune storie di Nico Orengo, uno scrittore che amo molto. Ma non voglio allargarmi troppo..
“ Voce e pianoforte “ è una storia sull’Amore, ma anche sul tempo che passa troppo veloce, e allontana tutto ciò che non è alla portata dei nostri occhi. La vite degli altri (Tanto per non citare un titolo cinematografico…) mi attraggono, e attraggono di conseguenza Marta,la protagonista della mia storia. Anche se spesso, ci resteranno comunque per sempre lontane e spesso incomprensibili.

Link all’acquisto di “Voce e pianoforte” edito da Edizioni Esordienti E-book

Il fiore d’autore di Bruno Bruni è: la Margherita.

Vuoi entrare a fare parte anche tu del “Giardino di Verba Spinosa”? È semplice! Leggi QUI il regolamento.

 

#coltiviamolascrittura

Bruno Bruni scrive:

“Ho scelto la margherita. Amo la semplicità, il che non esclude, secondo me, la profondità di pensiero.”