Il fiordaliso spinoso


 La Sardegna protagonista nel catalogo di Edizioni Esordienti E-book

Il fiordaliso spinoso

(L’amore ai tempi del Web)

 

Il fiordaliso spinoso Dettagli prodotto
Lunghezza stampa: 172
Editore: Edizioni Esordienti E-book
Lingua: Italiano
ISBN: 978-88-6690-248-5

Formati disponibili: e-book e versione cartacea

Acquistabile su Amazon e Kobo

Edizioni Esordienti.com

 

Sinossi

Petronilla, quarantenne single nata in Sardegna ma residente in Liguria, decide di trascorrere una decina di giorni di vacanza nella sua terra d’origine: sarà un modo per partire alla ricerca di se stessa, con lo spirito di una ragazzina che si addentra in una favola.

Il principe azzurro c’è, anche se forse di un azzurro un po’ appannato; la fata madrina c’è pure lei, però rappresentata da uno Zio affezionato, e c’è anche una centenaria e bizzarra tartaruga di nome Zippo. Una scrittura poetica e leggera, coinvolgente per noi lettori, chiamati a entrare a piè pari nella storia, perché la ricerca di noi stessi, della nostra identità e di un amore sincero che dia senso alla nostra vita è un bisogno per tutti.

Incipit

La prima volta che venni qui in questo piccolo paese, fu subito dopo la scomparsa di mio padre. Volevo spiccare il volo. Quello sfilare tra le briglie del vento che permette a un aquilotto di diventare padrone dei cieli. Rimasi colpita da alcuni particolari che mi lasciarono senza parole. Ho sempre vissuto in città, quindi l’idea di “ricominciare” in una realtà più piccola mi allettava parecchio. Mio Zio, che vive a Genova, decide di affittarmi un piccolo alloggio a Boccadasse, uno degli scorci più pittoreschi e romantici della Liguria. Per me è stato come fare una passeggiata sulla tela di un quadro: barche multicolori, sfumature sbiadite dal tempo, che pareva si fosse fermato, in quei brevi attimi, sul mio sguardo incantato dal loro dondolio sull’acqua di quel porticciolo. Mi appoggio su una panchina logora, ed è proprio nell’istante in cui mi sporco la mano destra con un velo di ruggine, che decido di trasferirmi qui.

Inizio col dire che non è stato un passaggio spontaneo, le mie origini sarde bussano alla porta di casa ogni giorno, con prepotenza, si incollano sui vetri come pioggia d’estate. Vorrei, però, raccontare a tutti una donna nuova. È esattamente questo che voglio fare: tornerò nella mia terra d’origine a fine luglio, proprio quest’ anno, non vedo l’ora di provare un paio d’ali nuove, per volare sulle mie emozioni, ancora prive di calore, umide e sofferenti.

Il fiordaliso spinoso Stavolta sarà un viaggio diverso, desidero andare sull’Isola dell’Asinara, non sto nella pelle, sapete, per fortuna non manca molto, quindici giorni più o meno, e tutti Voi potrete ammirare la mia anima da molto vicino, sarà un invito a seguirmi e disegnare con me stelle dai bordi dorati che non avete mai visto prima.

Che la Favola abbia inizio…

Tutto inizia ad agosto del 2010. Ricordo come fosse ieri quell’articolo sul giornale: “cedesi piccola attività casalinghi ben avviata”; era un mercoledì, il giorno della settimana che preferisco, non ho neanche alzato del tutto le serrande, ma ho socchiuso le finestrelle, dalle quali si scorgevano timidi raggi di sole. Si sente un gran vociferare fuori, sin dalle prime ore del mattino. È il mio momento, continuavo a pensare. Finalmente, non vedevo l’ora di andare a concludere l’affare. Lo zucchero del mio caffè, rigoro-samente decaffeinato, finisce per metà sul top del mio cucinino. Mi preparo in tutta fretta e, con la puntualità che mi contraddistingue, mi fiondo a piedi, tra un pensiero e l’altro, nella bottega dei miei sogni. Dunque: sembravo Pinocchio nel Paese dei Balocchi! Pentole in vetroceramica e pietra ollare, bicchieri piccoli, grandi e medi, blu, verdi, trasparenti, insieme a piatti con cui immaginavo già la mia tavola apparecchiata. Questo è esattamente il Paradiso di Petronilla! Dimenticavo, questo è il mio nome, (frenate l’entusiasmo, è un po’ strano, e avete ragione). Tuttavia vi accorgerete che nulla di quello che faccio è definibile “normale”. Bando agli indugi, vi lascio immaginare le tempistiche da record con le quali acquisto l’attività: no no, credetemi, non ho avuto neanche mezza esitazione.

Chiunque avrebbe controllato se il locale fosse a norma, se ci fossero infiltrazioni d’acqua nel bagnetto del retro, ma a me interessavano tazze, tazzine, barattoli con e senza tappo. Vi dirò di più: non ho neppure pensato a quanta fatica avrei dovuto fare per mandare avanti tutto questo. Ma ormai era fatta. Il pensiero di costruire qualcosa di mio per cui avevo una passione sfrenata ha avuto la meglio, a braccetto con una buona percentuale di incoscienza.

Realizzo il mio progetto; sono trascorsi oramai quattro anni, ogni giorno passato nel mio negozietto, togliendo polvere dagli scaffali in legno scuro con estrema cura, poi c’è il mio sgabello, e per finire la mia inseparabile “socia”: la matita. I clienti sono i più svariati, tanti turisti, visi di cui scordo l’identità in un batter di ciglia.

Tratto i miei casalinghi con una cura smisurata, pari a quella di un gioielliere coi suoi preziosi. Questa è, per il momento, l’unica forma d’amore che conosco.

GUARDA IL BOOK TRAILER

RECENSIONI

Recensione di Paolo Fiorino

*

Recensione di Andrea

*

Recensione di Luisa Cagnassi

*

Recensione di Cinzia Morea

*

Recensione di Claudio Oliva

*

Recensione di Renata Morbidelli

***

Scrivo Rosa perché