Libri in bolla

Libri in bolla: cinque autori da non perdere [Letture d’estate]

Libri in bolla è una rubrica dedicata alle letture estive.

Libri in bolla

Ci siamo, Luglio si avvicina, si sente ogni giorno di più la voglia di preparare le valigie e andare chissà dove per lasciarsi alle spalle un anno di fatiche lavorative e non solo. D’altronde l’estate è il periodo ideale per dedicarsi a se stessi e, magari, per leggere qualche buon libro in santa pace, Ebbene sì, mentre sarete combattuti tra mare e montagna e, mentre blogger ‘super fashion’, ‘super travel’, ‘super cool’, ‘super sti ca(bip)…volini di Bruxelles’ saranno impegnate a consigliarvi abiti bianchi di lino vedo non vedo, mLibri in bollaake up waterproof, diete mirate a una silhouette da Porto Cervo e mete ambite che vi allontanino chilometri e chilometri dalle vostra città, io ho deciso di andare controcorrente e consigliarvi alcune letture che penso spacchino di brutto. (Della serie Soddisfatti o rimborsati! No va be’, non esageriamo). Diciamo che se fosse per me ci metterei il bollino ‘garantito’. Certo, sarebbe bello se anche i libri diventassero ‘di Moda’ con la emme maiuscola e avessero tredici mil,2 follower… ma sì! Mai dire mai… finché c’è vita c’è speranza. Anche se chi visse sperando morì (non si può dire). Va be’, smetto di sognare e di dire cazz… e ritorno a Libri in bolla. Che è meglio! La rubrica new entry di Verba Spinosa ha intenzione di tenervi compagnia anche sotto l’ombrellone e perché no, all’ombra di un bel pino mugo, in alta quota a godervi la fresca brezza dei monti.

Libri in bolla

Tanto per intenderci, con Libri in bolla cercherò di darvi qualche consiglio sui romanzi che stanno godendo di ottimi riscontri da parte delle classifiche di vendita. Il mio giretto di ricognizione nel web, alla ricerca di recensioni attendibili e di sinossi, allettanti sin dalle prime righe, ha dato i suoi frutti. Romance, Gialli, Thriller Storici, Poesia, Narrativa: ce n’è per tutti i gusti.

Allora, siete pronti? È ora di staccare la spina da hashtag, topic, cookies e compagnia cantante ed entrare nella bolla dei libri di Verba Spinosa.

P.S. Tanto lo so che tra una pagina e l’altra la darete lo stesso una sbirciatina alle notifiche dei social. Non importa, si possono fare entrambe le cose. In vacanza tutto è lecito o quasi…

Via, partiamo con le cinque sinossi che ho trovato più affascinanti.

Libri in bolla

 

Si spengono le stelle

Matteo Raimondi

Thriller storico

459 pagine

Mondadori

Link all’acquisto

1691. York è un’inquieta città di frontiera da poco annessa alla colonia della Massachusetts Bay, dove la legge è esercitata secondo una rigida morale puritana. Primogenita di Mary e Robert Walcott, capo della corporazione commerciale, Susannah è tormentata da un selvaggio bisogno d’indipendenza che la rende insofferente alle autorità e la porta a rifugiarsi negli antichi insegnamenti della sua vecchia nutrice indiana, Nagi, dalla quale ha imparato a scorgere in ogni cosa la profonda armonia del cosmo. Ma proprio il forte legame con la cultura dei nativi costa a Suze l’avversione dei suoi coetanei, che la accusano di essere strana, pericolosa, e per questo la schivano. Tutti tranne uno, il fragile e misterioso Angus Stone, che appare determinato a sfidare qualunque pregiudizio pur di averla. Le cose cambiano quando Robert viene inviato a Boston per presiedere il Congresso coloniale: mentre a York le stelle della ragione cominciano a spegnersi, Rob realizza di trovarsi nel mezzo di una spietata cospirazione tesa a inasprire odio e paura verso i “selvaggi”. Il conflitto tra coloni e nativi assume così il valore di uno scontro fra bene e male che coinvolgerà proprio Susannah, ignara custode di un grande segreto. “Si spengono le stelle” è un thriller sulla Nuova Inghilterra di fine Seicento, che indaga uno dei periodi più cupi della storia americana a colpi di incursioni nei temi classici della letteratura fantastica.

Libri un bolla

Fiori sopra l’inferno

Ilaria Tuti

366 pagine

Giallo

Longanesi

Link all’acquisto

«Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell’orrido che conduce al torrente, tra le pozze d’acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l’esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l’inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l’inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall’età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l’indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura».

Libri un bolla

Non dirmi che hai paura

Giuseppe Catozzella

240 pagine

Narrativa contemporanea

Feltrinelli

link all’acquisto

Samia è una ragazzina di Mogadiscio. Ha la corsa nel sangue. Ogni giorno divide i suoi sogni con Alì, che è amico del cuore, confidente e primo, appassionato allenatore. Mentre intorno la Somalia è sempre più preda dell’irrigidimento politico e religioso, mentre le armi parlano sempre più forte la lingua della sopraffazione, Samia guarda lontano, e avverte nelle sue gambe magre e velocissime un destino di riscatto per il paese martoriato e per le donne somale. Gli allenamenti notturni nello stadio deserto, per nascondersi dagli occhi accusatori degli integralisti, e le prime affermazioni la portano, a soli diciassette anni, a qualificarsi alle Olimpiadi di Pechino. Arriva ultima, ma diventa un simbolo per le donne musulmane in tutto il mondo. Il suo vero sogno, però, è vincere. L’appuntamento è con le Olimpiadi di Londra del 2012. Ma tutto diventa difficile. Gli integralisti prendono ancora più potere, Samia corre chiusa dentro un burqa ed è costretta a fronteggiare una perdita lacerante, mentre il “fratello di tutta una vita” le cambia l’esistenza per sempre. Rimanere lì, all’improvviso, non ha più senso. Una notte parte, a piedi. Rincorrendo la libertà e il sogno di vincere le Olimpiadi. Sola, intraprende il Viaggio di ottomila chilometri, l’odissea dei migranti dall’Etiopia al Sudan e, attraverso il Sahara, alla Libia, per arrivare via mare in Italia.

Mia madre non lo deve sapere

Chiara Francini

303 pagine

Rizzoli

Link all’acquisto

Chiara lo sa: l’amore guarisce qualsiasi ferita, asciuga ogni lacrima, riassesta le ammaccature dell’anima. Fin da bambina, glielo avevano insegnato i suoi due papà, Giancarlo e Angelo, allevandola a poesia e Galatine, tolleranza e Natale-tutto-l’anno. È grazie a questa palpitante certezza che Chiara riesce di nuovo a sorridere alla vita dopo che babbo Giancarlo ha lasciato per sempre lei, papà Angelo e tutta la loro variegata famiglia di zie eccentriche, Supreme e amiche tatuate. La crisi con Federico, per fortuna, è superata e insieme hanno eletto a loro nuovo nido il Voilà, quella casa nel Ghetto di Roma che tanto era già stata importante per Giancarlo e Angelo. Federico ne adora il bagno per via della carta da parati verde in rilievo, Chiara ci sente tutto il calore di un grembo in cui mettersi in posizione fetale. Ma la vita è un susseguirsi di scherzi, dispetti e imprevisti, e nessun luogo, nemmeno il Voilà, può dirsi sicuro. Un venerdì, infatti, mentre Angelo come d’abitudine frigge triglie per tutti, suona alla porta Eleonora, la mamma-non mamma di Chiara. Con sé ha un trolley e un motivo segreto per cui ha abbandonato Londra. E ora si installa proprio al Voilà. Muta, immobile, rigida presenza. Ingombrantissima, assordante. Ma che cosa vorrà? Sciuperà il germoglio di felicità appena spuntato tra Chiara e Federico? Porterà con sé altre sciagure? Dopo «Non parlare con la bocca piena», prosegue in questo romanzo la storia di Chiara e degli altri personaggi in una trama che va ad arricchirsi di temi e protagonisti nuovi.

Leonardo Manetti

Poesie d’amore

Youcanprint

Poesia

Link all’acquisto

Ce lo confessa il titolo di questa raccolta: l’amore è al centro della poetica autoriale. Un amore che diventa ricerca; ricerca dal sapore etereo e impalpabile, una ricerca di se stessi e dell’altro. Poesie d’amore è un gioco tra amanti fatto di voglie improvvise, di ricerca e felicità, di malinconia e speranza.

Bene, a questo punto miei cari lettori, non mi resta che augurarvi buone letture!

Ti potrebbe interessare anche…

Blogging  

Sono Marina, autrice, poetessa e copywriter freelance. Scrivo per fuggire dal caos del mondo. Cosa voglio fare da grande? L'eremita. Ci sto lavorando. Presto non avrete più mie notizie perché sarò sul cucuzzolo di qualche montagna a scorrazzare con un San Bernardo e a raccogliere fiori di genziana. Parola di - non più tanto giovane - marmotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Libri in bolla: cinque autori da non perdere [Letture d'estate] * VERBA SPINOSA