Emanuele Martinuzzi

Emanuele Martinuzzi e il suo #fiored’autore

La Poesia è protagonista su Verba Spinosa, questa volta con Emanuele Martinuzzi e la sua silloge poetica “Di grazia cronica (Elegie sul tempo)”. I suoi poeti preferiti sono: Rimbaud, Luzi, Pascoli, Dante, ma uno in particolare ha… STOP! Vi sto già dicendo troppo. Conosciamolo meglio insieme, attraverso la sinossi, la consueta nota biografica e una breve presentazione in cui avrete il piacere di leggere anche una sua poesia. Ma non è tutto. Scoprirete qual è il suo #fiore d’autore, il motivo per cui lo ha scelto e tanto altro. Non mi resta che augurarvi una buona lettura.

Sinossi

“Di grazia cronica” (Elegie sul tempo) di Emanuele Martinuzzi

Una altalena di domande e di tentativi di risposta (…); si inseguono interrogativi filosofico-esistenziali, dove non è difficile riconoscere l’allusività metaforica del verso che rimanda ad ipotesi meditate, forse anche a dialettiche certezze. Il poeta che ormai ha oltrepassato il giovanile inganno dei sensi, ha compreso l’assurda arroganza dell’uomo che si crede immortale per il terrore di misurarsi con la morte (Michele Miano). Nel mezzo d’un deserto italico di vuoto culturale, di logoramento della coscienza, d’insopportabile e disumana superficialità, è ancora possibile trovare lampi di vera poesia (Davide Foschi). Il tempo cronologico legato all’esperienza profana che inevitabilmente riemerge dal passato, diventa qui desiderio, si intravede da un sogno e da un’evocazione, si fa pensiero, svuotamento e rinnovo dell’interiorità del poeta (Adua Biagioli Spadi). Forse non è poesia per le anime semplici (…), il condividerla con gli altri lo rende partecipe al rinnovamento dell’arte, e l’appartenenza al Movimento Metateista (…) lo spinge incontro ad un Nuovo Rinascimento (Gianni Calamassi).

Emanuele Martinuzzi è nato nel 1981 a Prato in Toscana, dove vive tuttora. Da quando aveva dodici anni si dedica alla Poesia. Si laurea all’Università di Firenze in filosofia. Da qualche anno scrive recensioni teatrali per Teatrionline – il Portale del Teatro Italiano. È inserito in numerose antologie, tra le quali quella del Premio Mario Luzi, del premio internazionale San Domenichino, del concorso internazionale “Città di Pontremoli”. Emanuele MartinuzziNel 2010 pubblica la silloge “nella pienezza del Non”. Nel 2011 pubblica la silloge “Anonimi frammenti”. Nel 2012 ottiene all’unanimità il Premio della Giuria nella sezione Poesia al Concorso di Letteratura a carattere internazionale “Città di Pontremoli”. La poesia “Notte stellata”, si classifica al primo posto alla Mostra/Concorso “Amore per l’arte” edizione 2012, presso la Galleria Wikiarte di Bologna. È tra i primi firmatari del Metateismo, movimento artistico e culturale fondato dal Maestro Davide Foschi, costituito a Milano a fine Dicembre 2012. Nel 2013 pubblica la silloge “dopo il diradarsi, la nube”. Nell’ottobre 2013 è tra i dieci finalisti della sezione Poesia del Premio Letterario Internazionale “Città di Castello”, che può fregiarsi come prestigioso riconoscimento dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica. Sempre nel mese di ottobre 2013 partecipa ad un evento artistico e letterario di beneficenza e sensibilizzazione sulla violenza contro le donne, “l’Arte dice no!”, organizzato dall’associazione Doppia Difesa di Michelle Hunziker e Daniela Buongiorno presso il Centro Congressi della Provincia di Milano. Nel Emanuele Martinuzzi2014 pubblica la silloge “polittico”. Nel 2014 ottiene il Diploma di merito al concorso letterario a livello nazionale “Nuovi occhi sul.. Mugello” per la poesia “Mugello”. Nel febbraio 2015 pubblica la silloge “l’oltre quotidiano – liriche d’amore”, edita dalla Carmignani editrice. A maggio 2015 è presente nel Catalogo d’arte, editoriale di Giorgio Mondadori, che codifica il Metateismo, a cura del Prof. Giammarco Puntelli. A giugno 2015 ottiene il secondo posto nella sezione libro di Poesia edito al Premio Letterario ed Artistico Internazionale Leonardo da Vinci “Scrittori e Artisti del Nuovo Rinascimento”, organizzato dal Centro Leonardo da Vinci di Milano. Sempre nel mese di giugno è nella rosa dei finalisti della XXVII edizione del Premio letterario Camaiore Proposta – Opera Prima “Vittorio Grotti”. Il 13 novembre 2015 riceve l’onorificenza e il titolo di “Coordinatore Nazionale della Poesia Metateista” dal Maestro Davide Foschi, fondatore del Movimento internazionale del Metateismo per un Nuovo Rinascimento. Nel marzo 2016 pubblica la silloge “di grazia cronica – elegie sul tempo”, edita dalla Carmignani editrice. Nel maggio 2016 partecipa al Festival del Nuovo Rinascimento a Milano, una manifestazione ideata da Davide Foschi, organizzata dal Centro Leonardo da Vinci, con grandi testimonial come Pupi Avati, Adriano Pintaldi, Marco Eugenio di Giandomenico, Pasquale Addisi e tanti altri. Nel 2017 partecipa al progetto “Parole di pietra” organizzato dalla poetessa Sabina Perri che vede scolpita su pietra serena una poesia inserita nella raccolta “l’oltre quotidiano – liriche d’amore” e affissa in mostra permanente nel territorio della Sambuca Pistoiese assieme ad altri scrittori, poeti e uomini di cultura quali Francesco Guccini, Paolo Pasi, Sabina Perri, Daniele Locchi, Adua Biagioli Spadi, Marzia Carocci, Francesco Perri, Claudia Piccini, Leonardo Manetti e Marina Marini Danzi. Partecipa e organizza reading letterari ed eventi vari di promozione culturale. Clicca QUI per visitare il blog Emanuele Martinuzzi e la Poesia.

PoesiaInFiore “Te ne stavi” di Emanuele Martinuzzi

Emanuele Martinuzzi

Potrebbe interessarti: “LA SCELTA DELLE PAROLE NELLA POESIA”, clicca QUI per leggere l’articolo

Sono Marina, editor, autrice, poetessa. Scrivo per fuggire dal caos del mondo in cui viviamo. Cosa voglio fare da grande? L'eremita. Ci sto lavorando. Presto non avrete più mie notizie perché sarò sul cucuzzolo di qualche montagna a scorrazzare con un San Bernardo e a raccogliere fiori di genziana. Parola di - non più tanto giovane - marmotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Emanuele Martinuzzi e il suo #fiored'autore * VERBA SPINOSA