Giancarlo Ibba e il suo fiore d’autore


Giancarlo Ibba presenta:

“C’era una volta in Sardegna”

Sinossi:

Qualcuno ha scritto: se il terrore potesse avere una voce, parlerebbe sardo. Ebbene, C’era una volta in Sardegna risuona di accenti che trasportano il lettore all’interno dell’isola, direttamente nelle atmosfere sconcertanti che il libro propone. Cosa accade a Solus? E che significato ha la lettera che viene recapitata al protagonista, costringendolo a tornare al paese natio? Ogni episodio crea quel perfetto tassello che, come un puzzle, ricompone la storia, offrendo un quadro che nessuno avrebbe potuto immaginare, se non le vittime e i carnefici. Eppure, nemmeno le vittime, o gli stessi carnefici, avrebbero potuto organizzare una tragedia di così ampia portata. Solus non è quello che sembra e i suoi abitanti nascondono segreti che sarebbe meglio non scoprire. Il vero volto dell’orrore ha spesso connotazioni familiari, fattezze che potremmo riconoscere in chiunque. I morti parlano, la loro voce risuona fra le fronde degli eucalipti, strisciando fra l’erba, oppure intorno ai megaliti di Perdas Fittas. Il destino è sempre in agguato e sceglie le proprie prede con una cura quasi maniacale. E nessuno può considerarsi veramente al sicuro. Giancarlo Ibba tratteggia la storia con quelle pennellate noir che appartengono ai veri maestri dell’horror e lo fa con una tale naturalezza da costringere il lettore a vivere la trama. Solus diventerà anche la vostra dimora… e anche voi sarete catapultati nel profondo Sulcis, arrivando a dire:
“C’è qualcosa che non va, qui”.

Link all’acquisto di C’era una volta in Sardegna edito da Edizioni Esordienti E-book

Il fiore d’autore di Giancarlo Ibba è Il Ciliegio.

Vuoi entrare a fare parte anche tu del “Giardino di Verba Spinosa”? È semplice! Leggi QUI il regolamento. #coltiviamolascrittura

Giancarlo Ibba scrive:

“Mi identifico in queste tre caratteristiche che appartengono al fiore di ciliegio: lealtà, lonestà, e coraggio. La purezza è difficile da raggiungere.”