Chi è Marina?

 

 

Sono Marina, self publishing consultant e copywriter freelance. Mi occupo di consulenze e servizi editoriali. Leggo come se non ci fosse un domani e quando posso, disegno. Sono un’appassionata di psicologia e di comunicazione. Per il resto, scrivo, bloggo e mi rifugio nel mondo dei libri, tra romanzi e poesie. Spesso mi lascio prendere dalla smania di investire su incauti e ripetuti acquisti. Scarpe Nike e montature di occhiali (ho a disposizione tutta la scale RAL) sono la mia rovina. Ambizione: diventare saggia come il maestro OOgway, la Tartaruga di Kung Fu Panda. Vorrei aver scritto il testo del brano musicale “La Fine” (Nesli) e il romanzo “Kafka sulla spiaggia” (Murakami).

Di che cosa mi occupo nello specifico?

Se risponderete in modo affermativo almeno a una delle 5 SAQ (Self Asked Questions) significa che potreste prendere in considerazione di lavorare insieme al vostro book project.

Vediamo…

  • Il vostro obiettivo è quello di ottenere un buon lavoro ma non sapete da che parte iniziare?
  • Avete iniziato ma vi siete persi e vi siete dovuti fermare a metà perché qualcosa non vi convinceva del tutto?
  • Pensate di avere delle buone idee e una storia che meriti di essere raccontata, ma vi mancano gli imput e i suggerimenti per farlo al meglio e cercare di limitare la confusione che avete in testa?
  • Il vostro libro è pronto dal punto di vista contenutistico ma vi manca tutta la parte grafica?
  • Avete finito di scrivere il libro e avete già in mente la copertina, ma sentite la necessità dell’opinione di un lettore professionale prima di proporlo a un editore?

Nota bene: Io non scriverò al tuo posto perché non sono un ghostwriter. Ricorda, è sempre l’autore che mette mano al testo. Il mio compito è semplicemnete quello di accompagnarti, affiancarti, indirizzarti nelle fasi di stesura fino ad arrivare alla pubblicazione.

Il mio book-mantra è:

“Tutti possono scrivere ma…

1.(Dipende)

Le motivazioni assumono un ruolo determinante sulla riuscita di un libro

    • Dipende da che cosa vi ha spinti a iniziare. 
    • Dipende da come scrivete.
    • Dipende dal perché avete iniziato.

…scrivere un libro non è proprio per tutti.” 

2.(Parliamone)

Mettere nero su bianco una storia e poi condividerla, plasmarla e prepararla per la pubblicazione non è semplice per niente. Le difficoltà di chi scrive sono così tante che non si contano. Riscrivere, leggere, rileggere, correggere e ricorreggere, revisionare, tagliare, copiare, incollare. Anche se può sembrare già tanto, non è ancora tutto, perché bisogna aggiungere la parte di elaborazione grafica: impaginazione, titolo, paratesto e copertina. A un certo punto (all’inizio, in mezzo, alla fine) dove vi pare, almeno, a me è successo così, è fondamentale che qualcuno intervenga sul vostro lavoro e lo osservi con il distacco necessario. Confrontarsi, ascoltare, mettersi in discussione, raccogliere e ricevere osservazioni costruttive, obiettive e professionali, di quelle fuori dai denti, è la condicio sine qua non (necessaria) per realizzare un buon lavoro di scrittura. Come per tutto quello che possa venirvi in mente: cura e dedizione fanno la differenza. Tutto questo richiede fatica e perseveranza. In molti si scoraggiano e di conseguenza lasciano perdere, altri (e sono molti di più di quelli che gettano la spugna) scelgono la strada più deleteria: pubblicare tanto per fare qualcosa. Ecco, io vorrei che non vi scoraggiaste e non lasciaste perdere. E vi dirò di più, mi piacerebbe che scrivere, per voi, fosse un’esperienza ogni volta unica e indimenticabile, così come lo è stato per me.

 

 

Approfondisci cliccando sull’immagine

Tanta strada e sette libri prima di arrivare fino a qui…

Ho seguito corsi di specializzazione in materia editoriale: editing, talent scouting, digital contents editor. Per quindici anni ho lavorato per una multinazionale leader nel settore dell’abbigliamento sportivo (indovinate quale?!) dove ho acquisito (e acquistato un numero periodico misto di Air Max) una forte esperienza per quanto riguarda: customer service, gestione del personale (team building, staff planning, problem solving), merchandising product e marketing, assumendo un ruolo di responsabilità all’interno dell’organigramma e del Team Management.
Mi emoziono (non sempre), soprattutto con la Poesia. La Natura e la mia Terra (la Sardegna) sono state fondamentali per la stesura di tutti i miei romanzi. In ciascun libro pubblicato ho fatto riferimento a uno o a più elementi naturali fondamentali per l’ecosistema. Fiori e animali a rischio rappresentano gli sfondi delle mie storie e delle mie poesie. Amo definirmi proprio per questo motivo una “GreenWriter”. Mi piace scrivere di tutto, spaziare e sperimentare. Ho partecipato con racconti brevi e poesie ad alcune Antologie di autori vari, ricoperto il ruolo di giurato all’interno di concorsi letterari e collaborato con differenti blog di scrittura. Il mio progetto è quello di diffondere l’arte e la cultura sotto ogni aspetto, attraverso Verba Spinosa che è diventata praticamente la mia seconda casa. Il primo dei tanti sogni nel cassetto si è avverato nel 2014 con la pubblicazione del mio primo libro “Il mare non serve, ho scelto una margherita” (EEEbook Edizioni).

 

Ottobre 2014: “Il mare non serve ho scelto una margherita” (EEEbook Edizioni)

Aprile 2015: il mio primo romanzo “Il fiordaliso spinoso” (EEEbook Edizioni, vincitore nel Concorso di EEE per la categoria Romanzo Romantico Contemporaneo). 

Febbraio 2016:Dentro un castello di carte” (EEEbook Edizioni) sequel del “Fiordaliso spinoso”

Novembre 2016: silloge poetica: “Nubi Spettri e Mulini a vento”  (EEEbook Edizioni), Seconda Classificata al Concorso di EEE per la categoria sillogi poetiche.

L’avventura letteraria e il sogno continuano con il self publishing

Marzo 2017: Ciro il pulcino”

Luglio 2017: “Ladybug Storia di una ghostwriter”

Dicembre 2017: la nuova silloge poetica “Dirupi e molecole nude”.

Inoltre, il racconto Messaggio in bottiglia è stato scelto per essere pubblicato nell’Antologia di autori vari “Lo dice il mare” a cura di Barbara Panetta (edito da Il Foglio).

Un brano è stato scelto per la conclusione della storia collaorativa dal titolo “Nero a colori” (sulla piattaforma creativa Intertwine), iniziativa nata in collaborazione con lo scrittore Maurizio De Giovanni.

Sono stata membro della Giuria tecnica nel corso delle tre Edizioni del Premio Letterario Terra di Guido Cavani. L’anno scorso (2017) nella sezione relativa agli ebook editi.

Ho realizzato tre progetti videografici in collaborazione con la poetessa e drammaturga Anita Tiziana Napolitano.

L’agonia dei fiori tra luce e ombra

Fiocca Fuoco a Birkenau

Elogio alla disubbidienza