Api e fiori

Api, fiori e microfauna: un patto silenzioso con il Pianeta

Se le api scomparissero? Sarebbe un grosso guaio. Parliamone o perlomeno proviamo a pensarci…

ApiApi, fiori, microfauna e ambiente. Oggi nella mia rubrica #naturalmentePoesia vi parlerò di risorse ambientali e soprattutto dell’importanza delle api. In molti tendono a sottovalutare il problema ma l’ape sta sparendo, a poco a poco, silenziosamente. Dalla sua operosità dipende l’equilibrio dell’intero ecosistema, dipende l’uomo, dipendiamo NOI. Non mi stancherò mai di dirlo, dalla Natura c’è sempre qualcosa da imparare, ma dalle api di più, perché l’ape è l’insetto più prezioso del Pianeta. A dimostrarlo è una percentuale piuttosto significativa: l’80% di ciò che mangiamo deriva dal processo di impollinazione.

Api, fiori e piante hanno stipulato un patto silenzioso con l’Universo ambientale: polline in cambio di nettare dolcissimo da proteggere e preservare.

Purtroppo, in tal senso non si leggono notizie confortanti. Questa sorta di “alleanza“ api/fiori ha iniziato a vacillare e a dare segnali di serio pericolo per il futuro dell’uomo, da un po’ di tempo. Albert Einstein probabilmente aveva ragione quando sosteneva: “se l’ape dovesse scomparire, l’uomo farebbe fatica a sopravvivere e a nutrirsi”. Le conseguenze le conosciamo, o meglio, pensiamo di conoscerle. E, non potrebbe essere diversamente, poiché i responsabili di tutto questo sono gli esseri umani e gli interventi selvaggi su alcune aree geografiche, sulle colture, utilizzando potenti pesticidi che compromettono la sopravvivenza di piccoli e grandi esseri viventi, essenziali a preservare la biodiversità. Dalla negligenza dell’uomo, perpetrata nel tempo, nasce un problema grande come il mondo: l’inquinamento, che assilla giornalmente scienziati e studiosi, alla ricerca continua di soluzioni alternative. Non è mai tardi per tentare di correre ai ripari. A tal proposito, il ritorno all’agricoltura biologica è un segnale confortante, ma non è sufficiente a fare rientrare l’allarme. C’è ancora molto da fare per sensibilizzare il più possibile l’uomo su questo argomento.

Le api non sono gli unici insetti a sparire gradatamente, purtroppo.

Si è arrivati a definire questo fenomeno, paradossalmente innaturale, con il termine di “estinzione di massa”. I dati provnienti dalla rivista Scienze sono preoccupanti. Ogni anno spariscono, a causa di incendi, riduzioni di spazi naturali incontaminati e deforestazioni, dalle 10 mila alle 50 mila specie di microfauna.

Anche le libellule, le lucciole, i coleotteri e le farfalle stanno subendo lo stesso inevitabile destino. Siamo sempre meno abituati, purtroppo, a vederne svolazzare qualche esemplare nei nostri prati…

Potrebbe interessarti anche l’iniziativa “Naturalmente Poesia”? Clicca sull’immagine per saperne di più…

Api

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Api, fiori e microfauna: un patto silenzioso con il Pianeta * VERBA SPINOSA