Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori

Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori: insieme per non dimenticare

Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori insieme, per non dimenticare Il Giorno della Memoria

Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori

Altra tematica importante, altra collaborazione artistica tra la poetessa drammaturga Anita Tiziana Laura Napolitano e la scrittrice Marina Atzori. Insieme, questa volta, per non far cadere nell’oblio Il Giorno della Memoria. “Fiocca fuoco a Birkenau” è una lirica destinata ad avvicinare anche gli sguardi più distratti, a lasciare un segno nel cuore e nella mente di chi la scoprirà in questa nuova veste, accompagnata da una sequenza di immagini che ne caratterizzano lo stile pungente, profondo e, se vogliamo, persino provocatorio. Sensibilizzare e scuotere le coscienze più indifferenti, questo è l’obiettivo delle due autrici. Anita Tiziana Napolitano si spoglia dell’etereo per cercare di entrare nel vivo di una Storia e di un passato, che sembrano essere molto lontani da noi ma non lo sono affatto. Per rendersene conto basta voltarsi indietro e ripercorrere gli errori madornali della guerra. La parola scritta è un mezzo per arrivare a un fine, uno scopo comune, quello di appassionare, stringere, legare o respingere concetti che non ci appartengono. La parola scritta è anima, fiaccola conduttrice della memoria stessa. Per mantenerla viva occorre sostenerla e proteggerla dalle improvvise folate di vento. Ciò che viene scritto resta, non soltanto su un foglio o su un libro. Rimane dentro, come in questo caso, per dire qualcosa che può appartenere a chiunque desideri comprendere il dolore provocato dalla Seconda Guerra Mondiale. Marina Atzori nel tentativo di interpretare “Fiocca fuoco a Birkenau”, attraverso l’uso metaforico delle immagini, sottolinea l’importanza dei messaggi contenuti nell’arte poetica di Anita Tiziana Napolitano. «Possiamo solo ricordare per non dimenticare il filo spinato e il lungo squarcio al cuore» recita uno dei passaggi più significativi del testo. Con la magia della Poesia tutto è possibile. Un ringraziamento particolare per la concessione delle due Opere presenti nella storyboard, che sono di proprietà dell’artista Tata Salimbeni, (tecnica utilizzata: ABBINISMO). Birkenau (Polonia) fu uno dei tre principali campi di sterminio nazista che formavano il complesso concentrazionario situato nelle vicinanze di Auschwitz. A Birkenau (definito anche Auschwitz II) persero la vita oltre un milione e centomila persone.

I blog delle autrici: Anita Tiziana Napolitano anitanapolitano.estro-verso.net

Marina Atzori marinaatzori.it

MAI  PIÙ  VITTIME

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*