Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori

Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori: insieme per non dimenticare


Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori insieme, per non dimenticare Il Giorno della Memoria

Anita Tiziana Laura Napolitano e Marina Atzori

Altra tematica importante, altra collaborazione artistica tra la poetessa drammaturga Anita Tiziana Laura Napolitano e la scrittrice Marina Atzori. Insieme, questa volta, per non far cadere nell’oblio Il Giorno della Memoria. “Fiocca fuoco a Birkenau” è una lirica destinata ad avvicinare anche gli sguardi più distratti, a lasciare un segno nel cuore e nella mente di chi la scoprirà in questa nuova veste, accompagnata da una sequenza di immagini che ne caratterizzano lo stile pungente, profondo e, se vogliamo, persino provocatorio. Sensibilizzare e scuotere le coscienze più indifferenti, questo è l’obiettivo delle due autrici. Anita Tiziana Napolitano si spoglia dell’etereo per cercare di entrare nel vivo di una Storia e di un passato, che sembrano essere molto lontani da noi ma non lo sono affatto. Per rendersene conto basta voltarsi indietro e ripercorrere gli errori madornali della guerra. La parola scritta è un mezzo per arrivare a un fine, uno scopo comune, quello di appassionare, stringere, legare o respingere concetti che non ci appartengono. La parola scritta è anima, fiaccola conduttrice della memoria stessa. Per mantenerla viva occorre sostenerla e proteggerla dalle improvvise folate di vento. Ciò che viene scritto resta, non soltanto su un foglio o su un libro. Rimane dentro, come in questo caso, per dire qualcosa che può appartenere a chiunque desideri comprendere il dolore provocato dalla Seconda Guerra Mondiale. Marina Atzori nel tentativo di interpretare “Fiocca fuoco a Birkenau”, attraverso l’uso metaforico delle immagini, sottolinea l’importanza dei messaggi contenuti nell’arte poetica di Anita Tiziana Napolitano. «Possiamo solo ricordare per non dimenticare il filo spinato e il lungo squarcio al cuore» recita uno dei passaggi più significativi del testo. Con la magia della Poesia tutto è possibile. Un ringraziamento particolare per la concessione delle due Opere presenti nella storyboard, che sono di proprietà dell’artista Tata Salimbeni, (tecnica utilizzata: ABBINISMO). Birkenau (Polonia) fu uno dei tre principali campi di sterminio nazista che formavano il complesso concentrazionario situato nelle vicinanze di Auschwitz. A Birkenau (definito anche Auschwitz II) persero la vita oltre un milione e centomila persone.

I blog delle autrici: Anita Tiziana Napolitano anitanapolitano.estro-verso.net

Marina Atzori marinaatzori.it

MAI  PIÙ  VITTIME


Informazioni su Marina

Lettrice professionale, scrittrice e blogger, Digital Contentents Editor (sviluppo video/ideazione/editing di contenuti multimediali e infografica), Self publishing consultant, Editor e Copy editor. Ha seguito corsi di specializzazione su: Web writing, Talent scouting, Editing e Copyediting, Fotogiornalismo, Personal Branding, Blogging, PNL (Programmazione Neuro Linguistica), Risorse Umane e comunicazione interpersonale. Ha scritto sei libri e una serie di racconti per alcune Antologie, ricoperto il ruolo di responsabile-organizzatrice all'interno della giuria tecnica nella Terza Edizione del Concorso Letterario Internazionale Terra di Guido Cavani (sezione inerente agli ebook), collaborato con Il circuito Network Il Mondo Dello Scrittore. Attualmente si occupa di servizi editoriali e sta lavorando alla realizzazione del suo progetto personale ("Book&Art"). Nel frattempo, scrive, anche se... scrivere è una questione spinosa, anzi "spinosissima"!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*